Benvenuto, Utente ( Entra )

Edgeworthia

Nome particolare per un arbusto che difficilmente si trova in giardino, l'edgeworthia è un arbusto a foglie caduche, originario della Cina, dove viene coltivato intensivamente perché dalla sua corteccia si ricava un'ottima materia prima per la produzione della carta. Gli arbusti sono vigorosi, ed a crescita abbastanza rapida, nell'arco di alcuni anni possono raggiungere i 2-3 metri di altezza dando origine ad un arbusto disordinato, tondeggiante, molto ramificato. Il fogliame è di forma ovale, elegante, appare in primavera inoltrata, dopo la fioritura, e cade in autunno, lasciando i rami rossastri completamente spogli. Durante l'inverno, a partire in genere da febbraio, fino ad aprile, sugli apici dei rami appaiono grossi capolini sferici, costituiti da numerosi piccoli fiori ad imbuto, di forma tubolare molto allungata. I fiori che sbocciano danno origine a dei pom pom dorati, molto particolari ed insoliti; inoltre i fiori di edgeworthia sono decisamente molto profumati e sbocciano direttamente dalla pianta spoglia: l'effetto è meraviglioso nel giardino invernale.

 

Coltiviamo la edgeworthia

Queste piante sono di coltivazione abbastanza semplice, si pongono a dimora direttamente in giardino, in piena terra, dopo aver ben lavorato il substrato, mescolandovi del terriccio soffice e leggere e una buona quantità di humus o di stallatico ben maturo; nonostante le edgeworthia non temano il freddo è consigliabile posizionarle al riparo dal vento freddo invernale, che tende a disseccare rapidamente il terreno in cui viene posto l'arbusto.

Questi arbusti tendono con gli anni ad allargarsi notevolmente, formando un'ampia palla di rami fitti e intrecciati; per meglio godere della fioritura è possibile coltivarle ad alberello, quando la pianta è ancora giovane scegliamo un fusto dritto e robusto e potiamo alla base gli altri polloni, favorendo lo sviluppo del fusto singolo.

 

Annaffiare l'edgeworthia

Nelle regioni originarie la edgeworthia gode di un clima umido e fresco; in Europa è conveniente orla a dimora in una zona non eccessivamente soleggiata del giardino, che in estate potrebbe divenire eccessivamente calda ed asciutta; preferiamo un posto più fresco, abbastanza ventilato, ma riparato e semiombreggiato.

Le annaffiature verranno fornite da aprile-maggio fino a settembre, quando la pianta comincia ad ingiallire ed a perdere il fogliame. Durante la stagione vegetativa annaffiamo con regolarità, ogni qual volta il terreno si presenti asciutto; queste piante possono sopportare brevissimi periodi di siccità, ma preferiscono un terreno umido, ma non saturo d'acqua. Quindi interveniamo regolarmente con le annaffiature, soprattutto durante i mesi caldi ed in periodi di particolare siccità.

Evitiamo in ogni caso i ristagni idrici, che potrebbero favorire lo sviluppo di dannosi marciumi radicali; per evitare che l'acqua ristagni al momento dell'impianto garantiamo un buon drenaggio alla pianta mescolando al terreno di coltivazione della sabbia o della pietra pomice a granulometria fine, che aereranno il terreno, rendendolo soffice e permeabile.